Come ancora non mi conosco

Amore che mi hai creduta
nonostante tutto
fammi morire ancora

La giovinezza, il sangue, l’anima
la vita è solo tua

L’amore vero di chi non crede nell’amore
Solo tu puoi se non si può
quando non si può dove non si può

Stringimi.
Aprimi le tue porte senza confini
Lasciami stare nell’immenso

Io sarò come ancora non mi conosco.

L’Idiota

Nouvelle Blog

Ian Curtis, 1956 – 1980

Mi chiamo Ian e non ho ancora compiuto 24 anni, scrivo mentre “piango come un bambino anche se questi anni mi hanno reso più vecchio“.

Tra due giorni sarei dovuto partire con gli altri della band per il nostro primo tour negli Stati Uniti. Manon voglio più stare nel gruppo, Unknown Pleasures è stato il massimo, non volevo che crescesse così, oltre, c’è un limite al di là del quale non si fa che distruggere la bontà e la bellezza di quello che si è creato e ci si riduce a recitare la più meschina delle recite”.
Non ho più il piacere, oh, e da allora ho perso il cuore. Corrotto dalla memoria, non ho più il potere,  sta strisciando lentamente, questa ultima ora fatale”.

“Questa è la stanza, l’inizio di tutto, nessun ritratto finale, solo i fogli sul muro

View original post 2,137 more words