Cosa vuoi

Cosa vuoi scrivere? Libri, romanzi o forse la mia vita.
l’ode alla fantasia infinita, vertigine del possibile, mondi interi da mangiare, le vedute sconfinate, lo sfrenato ottimismo, le tenebre, la paura, la tragedia.
Non poter essere predetta.
Mancare e non dire.
Soffrire.
Saper vivere da sola.
Perdonare.
Il desiderio stretto stretto tra le mani.
Non saperlo trattenere.
Oh l’amore e la morte.
La notte.
L’avventura profonda.
Il gioco con le Muse e i miei baci.
Strega e bambina selvaggia e fedele.
Saper piangere. La gioia.
Giocare.
Ricordare la notte a Parigi in tre nel letto. I brividi.
Il cielo azzurro.
Sentire il mio profumo.
Svegliarsi la mattina, avere gli occhi addosso.
I dolci.
E l’addio.
Il saper recitare senza mai dover mentire.
Non avere mai bisogno ma volere. 
Avere il coraggio di guardare dentro, andare a fondo.
Danzare.
Capire che tutti possono cercare ma pochi sanno scoprire.
Non capire l’importanza.
Il rimpianto che verrà.
La lunga estate che non ritorna.
L’ebrezza che mi attraversa.
Sempre per sempre.
Infine, tagliare i capelli.
Andare e non voler più tornare.

Advertisements

Moi Je jue

Per la volontà, per la gioia del sogno dei miei occhi troppo aperti,
sussurro poesie d’amore al vento anche se è vietato.
Per ridere di te, per far giocare il mio cuore,
che gioca sempre giorno e notte.
Per piangere con te, per far battere il mio cuore.
Che batte sempre giorno e notte,
e mai niente lo può fermare.

Mi hai lasciata sola nel bosco per rincorrere la noia.
Mischiare il sangue dei tuoi pensieri con la banalità di una storia come tante.
Ho pianto perché mi dispiace per te,
ma io gioco anche da sola.

O forse dovremmo smetterla di giocare ed imparare?